Chi e dove

S.ervizi T.ecnici I.mmobiliari

 

di Dr. Arch. Massimiliano Bruno Ragni

Via terra 10

20090 Rodano (MI)

 

per contattare Massimiliano scrivete

una mail a info@perchedilegno.it

vi risponderò subito.

 

oppure compilate il

modulo online.

Orari:

Lo studio è aperto dal lunedi al venerdì.

E' comunque consigliabile una telefonata o una mail per fissare un appuntamento.

i sistemi costruttivi di legno

la base d'appoggio:

Per prima cosa è necessario sapere che una struttura prefabbricata di legno generalmente non necessita di fondazioni in quanto tali. E' sufficiente predisporre una apposita base di calcestruzzo, generalmente piana, opportunamente dimensionata in base ai carichi delle pareti che vi andranno a gravare. Una volta predisposta tale base, gli edifici prefabbricati di legno vengono installati alla platea tramite interposizione di apposite guaine e vincolate alla medesima con barre a "L" tassellate a terra e su parete. E' buona regola realizzare la platea garantendo una adeguata sotto-ventilazione e prevedere in fase di esecuzione gli arrivi per le utenze impiantistiche.

Cosa predisporre al di sotto della stessa (per esempio un box o una cantina) è scelta libera. Tuttavia è importante considerare che i costi di una platea semplice sono certamente inferiori rispetto ad una costruzione che preveda al contrario un piano semi-interrato o del tutto interrato; inolte la conformazione del terreno o i parametri di edificazione possono giocare un ruolo importante per tale scelta. Generalmente il consiglio migliore è tenere bene sotto controllo i propri budget: piu complesso sarà il "basamento", maggiori saranno i costi complessivi ed i tempi di realizzazione.

le strutture AD INCASTRO o BLOCK HAUSE:

Questo sistema di costruzione è realizzato tramite l'utilizzo di tronchi di legno (generalmente d'abete) sovrapposti tra loro tramite maschiatura longitudinale e doppio incastro sugli angoli. Ogni singolo elemento è pertanto legato agli altri a formare una struttura uniforme e solida.

Gli elementi di struttura sono completabili sia all'interno, sia all'esterno tramite vari strati di "finitura": generalmete l'interno è completato con pannelli di gesso o perlina di legno; l'esterno con "cappotti" isolanti se non si desidera mantenere la struttura lignea a vista.

E' importante evidenziare che per sua natura, la struttura ad incastro è soggetta ad assestamento e manutenzione: il legno deve essere trattato a cicli costanti soprattutto se esposto ad un forte soleggiamento o a umidità elevate con impregnanti appositi e le possibilità di modifiche una volta terminato il fabbricato sono limitate (ovvero non è così semplice spostare un muro interno per la presenza appunto, degli incastri).

Gli spessori medi delle pareti finite del sistema ad incastro possono arrivare anche a 30-31 cm di spessore; tuttavia è bene evidenziare che gli elementi strutturali generalmente hanno dimensioni variabili dai 6 ai 13 cm.

le pareti a telaio

Gli elementi di struttura sono pre-realizzati tramite una conformazione appunto "a telaio". Tra i travi verticali di struttura (generalmente di legno d'abete con sezioni variabili nell'ordine dei 9x9 cm) sono interposti diversi materiali isolanti a seconda delle specifiche tecniche di ciascun costruttore: lana di roccia, sughero, canapa ecc, ecc. la struttura è poi completata da un doppio strato di materiale (generalmente osb con spessori di cm 1,3) a chiudere il pacchetto su entrambi i lati.

Gli elementi cosi realizzati sono anch'essi completati tramite la posa di ulteriori materiali da coibentazione esterni rifiniti con intonaco e colore a scelta. Internamente, previa posa di listelli per la realizzazione del passaggio delle tubature, le pareti sono completate con pannelli di gesso e/ perlina di legno.

I vantaggi delle strutture a telaio sono certamente una maggiore leggerezza complessiva, capacità di assorbire le vibrazioni di un sisma, ottime performance in termini di coibentazione termica e acustica per effetto dell'abbondante presenza di materiali interposti all'interno. Di contro vi è la scarsa presenza di materiale nobile (legno).

Anche in tali casi gli spessori di parete possono avere dimensioni consistenti fino a 34 cm; tuttavia anche in tale caso gli elementi strutturali non superano i 13 cm;

le pareti x-lam

Le strutture x-lam sono certamente le più note.

Sono sostanzialmente simili ai sistemi a telaio per la presenza dei cappotti di coibentazione esterni e per le finiture interne di gesso previa interposizione di distanziali per la posa degli impianti, con spessori di parete finiti nell'ordine dei 30-35 cm. Tuttavia gli elementi strutturali sono realizzati tramite tavole di legno d'abete (o altre essenze) disposte incrociate tra loro ed unite tramite collanti specifici. Per tale ragione le strutture possono essere considerate massicce, seppur con spessori variabili nell'ordine dei 9-13 cm. E' possibile disporre anche di spessori maggiori fino a 30 cm da valutarsi comunque in base ai costi di produzione. Hanno un ottimo comportamento in caso di sisma, buona resistenza al fuoco ma di contro poca capacità di traspirazione per effetto della presenza dei collanti obbligando, nel caso si volesse raggiungere una elevata classe energetica, a dotare il fabbricato di impianti termici piuttosto complessi con recupero e ricircolo d'aria negli ambienti.

 

ricapitolando

Esistono in commercio delle combinazioni tra le strutture illustrate, che variano tra operatore ed operatore a seconda delle soluzioni proposte e che prevedono anche situazioni miste: per esempio ad incastro senza teste sugli angoli (ovvero tipo coda di rondine) con cappotti interni e/o esterni, a telaio abbinati a sistemi ad incastro esterni o interni, x-lam con cappotti esterni di legno, o ad intonaco, a telaio "meccanico" (ovvero un particolare tipo di telaio realizzato tramite travi e pilastrini legati con sistemi di legno interni a coda di rondine) dotati di cappotti esterni ed interni a civile o di legno.

 

Insomma, ce n'è per tutti i gusti. Ad ogni modo la cosa importante da tenere presente è che qualsiasi soluzione si scelga, i sistemi costruttivi sono essenzialmente quelli evidenziati.

 

Tuttavia, da qualche anno, esistono anche altri sistemi costruttivi cosiddetti MASSIVI, ovvero strutture che offrono consistenze e caratteristiche differenti da quelli illustrati. Se ti interessa approfondire contattami!